Addio dolcissima Prugnetta

Prugnetta 1Ciao amici umani. Vi saluto per l’ultima volta perché oggi sono andata a raggiungere tanti altri miei a-mici sul ponte dell’arcobaleno. Non piangete per me, lo dico soprattutto ai volontari dell’Oasi Felina “Andrea Delfino”. Abbiamo passato tanto tempo insieme, vi ho voluto bene come so che ne volevate a me. Lo so per le tante carezze, per la pazienza che mettevate nel prepararmi con cura le mie pappette speciali, dato che non potevo masticare. Lo so per il tempo che dedicavate a farmi mangiare ogni giorno. Avevate anche cercato di trovarmi una casa, ma io, che sono nata in un bosco, non potevo stare chiusa tra quattro muri. Lo so perché dicevate sempre che io ero la mascotte dell’Oasi. Sono stata bene con voi e me ne sono andata perché era arrivata la mia ora, con l’età e i tanti problemi. Non piangete per me: ci sono tanti altri mici, giovani e anziani, di cui prendersi cura in Oasi. Fatelo anche pensando a me. Io dal ponte sarò per sempre con loro e con voi. Un saluto dalla vostra Prugnetta.

 

Pubblichiamo le affettuose parole dedicate a Prugnetta del nostro volontario Emilio

Ci sono avvenimenti nelle nostre vite che, più di altri, lasciano un segno. Ci sono esseri che la vita ci fa incontrare per caso e che diventano un po’ una parte di noi stessi.
Prugnetta era bella, era dolce, era particolare.
Prugnetta era quella che veniva meglio di tutti in fotografia.
Prugnetta era quella a cui dovevi sempre dedicare tempo e pazienza per i suoi problemi, per il suo essere diversa.
Ma lo facevi volentieri, perché lei era Prugnetta, era speciale.
Ci sono esseri che si impossessano di uno spazio nelle nostre menti, nei nostri cuori, e lo riempiono per intero.
Poi, un giorno, all’improvviso, così come ce li aveva fatti incontrare, la vita ce li porta via. Sapevi che sarebbe accaduto. Lo sapevi, ma non eri preparato. Sì, non si è mai preparati per questo.
E tutto d’un tratto quello spazio che avevano occupato si trasforma in un vuoto profondo, incolmabile, anche se dentro a quel vuoto rimane qualcosa. Resta il ricordo che, quello no, né il tempo, né la vita potranno mai portarci via.
Ciao Pru… (09/01/2019)